Nuove recensioni > Serial TV > NCIS
 
 
 
 
 
 
 

NCIS

 

 

Nazionalità: USA

Prima stagione: 2003

Ultima stagione: settima 2009 (la sesta è in onda su RAI2 dal 6 settembre 2009)

Produzione: Donald P. Bellisario per CBS Paramount Network Television - Paramount Network Television - Belisarius Production – THINKFilm

Attori: Mark Harmon (Leroy Jethro Gibbs), Michael Weatherly (Anthony DiNozzo), Pauley Perrette (Abby Sciuto), David McCallum (“Ducky” Mallard), Cote de Pablo (Ziva David), Sean Murray (Timothy McGee)

Siti internet: http://www.cbs.com/primetime/ncis/ - http://www.ncis-italia.com/

Pubblico di riferimento: famiglie, esclusi i più piccoli

Tematiche ricorrenti: rapporti di lavoro tra colleghi, adozione di decisioni problematiche

TRAMA E COMMENTO: Ambientato negli ambienti del Naval Criminal Investigative Service della Marina Militare USA, ogni episodio raccoglie un’avventura di uno dei gruppi più affiatati della storia delle serie televisive: il rude e pluridivorziato capo Gibbs, il disinvolto assistente DiNozzo, la collaboratrice (già agente del Mossad) Ziva, il genio informatico McGee, detto “Pivello”, l’eccentrica Abby, il saggio medico patologo Ducky (che conversa amabilmente con i cadaveri), e tutta una serie di personaggi che gravitano intorno alle avventure della squadra. Gialli caratterizzati da trame ben costruite, ottima recitazione, ironia costante e un pizzico di macabro, ma soprattutto da un ottimo intreccio di storie verticali che si dipanano, nel corso di ogni stagione, con sorprese, colpi di scena, alleanze e tradimenti, appassionando i telespettatori e arricchendo sempre più il pubblico dei fans.
Nata come spin-off di JAG, e opera del medesimo produttore Donald P. Bellisario (già noto al grande pubblico per i successi delle serie TV Galactica, Magnum P.I. e, appunto, Jag), la serie si caratterizza per una grande attenzione alle trame e all’aspetto della cura della narrazione, senza velleità di messaggi più o meno moralistici né desiderio di trattare, in modo più o meno aggressivo, temi scottanti, risultando così un ottimo svago di ambito famigliare (pur tenendo presente che un po’ di violenza rende la visione sconsigliabile ai più impressionabili).

(Giovanni De Marchi)

 

 
 
 
 
 
Cinema in famiglia